L'ingegneria sismica è una branca dell'ingegneria civile che studia la risposta meccanica delle strutture ai sismi e le metodologie o tecniche per la progettazione di costruzioni con criteri antisismici tali da contrastare il rischio sismico, oppure per adeguare ad un grado di sicurezza maggiore strutture già realizzate, ma non più conformi alle normative antisismiche aggiornate o elaborate successivamente alla costruzione.

Le tecniche antisismiche dell'ingegneria sismica sono le uniche in grado di assicurare, anche in maniera efficace, una protezione attiva o preventiva dei danni materiali e dell'incolumità fisica delle persone in contrapposizione alle tecniche scientifiche sperimentali di protezione passiva ovvero di previsione dei sismi ancora in fase embrionale di sviluppo[1], ma che tuttavia non agiscono sulla limitazione dei danni.
(Da Wikipedia.it)